FORM presenta la nuova stagione sinfonica 2016

stagionegenerale2016_news_big

Apertura con la QUINTA di Beethoven diretta da Hubert Soudant

ANCONA 08/01/2016 - Una stagione all’insegna di Beethoven e del classicismo viennese che spazia attraverso generi e stili diversi, dal barocco alla musica da film. La FORM presenta il cartellone 2016 composto da capolavori immortali che hanno fatto la storia della musica. Dal 13 gennaio, con il debutto a Jesi, al 9 maggio, le melodie di Beethoven, Mozart, Haydn, Brahms, Schubert, Vivaldi e tanti altri attraversano, con ben 45 concerti, 12 importanti teatri della regione, da Pesaro ad Ascoli Piceno, e le città di Lucca, Ravenna e Foggia.

Il Maestro Hubert Soudant, musicista di fama internazionale, Direttore Principale della FORM da un anno, apre la stagione mercoledì prossimo con la famosissima Quinta Sinfonia di Beethoven. Sempre Soudant dirige il mese successivo la serie di concerti Mozart 40 e ad aprile Beethoven 1. La musica del genio tedesco è la protagonista anche dei Concerti per pianoforte che, dal 22 gennaio vedono misurarsi, dirette da Federico Mondelci, tre eccellenti giovane pianiste: Costanza Principe, Leonora Armellini e Gloria Campaner.
Uno dei migliori oboisti del panorama internazionale, Francesco Di Rosa, dal 28 gennaio esegue OBOISSIMO!: un viaggio con lo strumento che dà il “la” all’orchestra dal barocco di Vivaldi alla musica contemporanea di Keith Jarrett.
Il 14 febbraio l’Orchestra Filarmonica Marchigiana accompagna ad Ancona lo strepitoso duo Dosto & Yevski con la loro ultima “follia”, Sinfollia, mentre due settimane dopo spazio ad un altro gigante: Johannes Brahms. Questa volta la FORM accompagna Lorenzo Di Bella, diretto da Matteo Pagliari, nell’interpretazione del Secondo concerto per pianoforte e orchestra, il “concerto dei concerti”.
La stagione ha in serbo ancora due giovani e importanti musicisti internazionali, che si sono fatti apprezzare dal pubblico nelle stagioni precedenti. Il grande violoncellista Umberto Clerici è l’artista in residenza che dal 30 marzo si esibisce in veste di solista e di direttore dell’ensemble d’archi dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana, mentre dal 28 aprile torna il violinista Stefan Milenkovich con il programma Otto stagioni, ovvero quelle famosissime di Vivaldi e quelle amatissime di Piazzolla.
Il programma 2016 si completa con il concerto lirico sinfonico di Fabriano (6 marzo), con quello che inaugura la mostra Tiziano, Lotto, Artemisia: le stanze segrete di Vittorio Sgarbi ad Osimo (17 marzo) e con l’esibizione, affidata alla direzione di David Crescenzi e al giovane violoncellista Alberto Casadei, dal titolo Saint-Sans e Beethoven, a Chiaravalle (21 aprile).
Lo stile sinfonico incontra e si contamina con il linguaggio del jazz nell’appuntamento Woody Shaw Legacy with strings. Il 23 marzo al Pergolesi di Jesi, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana affronta una serata entusiasmante con la tromba di Fabrizio Bosso e il Massimo Morganti Sextet. Non meno affascinante il programma Musica da vedere: cinema italiano in concerto che propone le più belle colonne sonore del cinema italiano eseguite dalla FORM, diretta da Michelangelo Galeati.

Numerose le iniziative rivolte al mondo dell’istruzione con attività educational e concerti in anteprima; rinnovate le collaborazioni con il Conservatorio G. Rossini per le attività della classe di direzione d’orchestra e con l’Università di Ancona per FORM-OFF. I concerti dell’aula magna. Confermati anche gli appuntamenti con la Rassegna di Nuova Musica di Macerata e la serata finale del Concorso Postacchini di Fermo.

I partner sono: Fondazione Teatro delle Muse e Società Amici della Musica “G. Michelli” di Ancona, Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi, Ente Concerti di Pesaro, Associazione Arena Sferisterio, Appassionata e Rassegna di Nuova Musica di Macerata, Civitanova Classica Piano Festival, Fondazione Gioventù Musicale d’Italia – sezione di Fermo, Associazione Antiqua Marca Fermana, Società Filarmonica Ascolana, Associazione Spazio Musica-Marche Jazz Network, AMAT, Accademia d’Arte Lirica e Concorso “Nuova Coppa Pianisti” di Osimo, Consorzio Marche Spettacolo.

La stagione è realizzata con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Marche, con il contributo dei Comuni di Ancona, Jesi, Macerata, Fermo, Fano, Fabriano e della Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana.